head_bashmet_725x308

FESTIVAL

 

Yury Bashmet occupa un posto speciale tra i musicisti di oggi, affermando la viola, per la prima volta in assoluto, come uno strumento solista riconosciuto. Compositori da tutto il mondo hanno colto questo fenomeno e, specialmente per Bashmet, hanno creato più di cinquanta lavori per viola.

Le performance di Bashmet hanno un effetto ipnotico su chi ascolta. Come un critico inglese ha osservato, il suo modo di fare musica sembra “come la pioggia, che cade goccia a goccia, s’infiltra nel cuore e lo anima.”

Un incontro quello tra Yuri Bashmet e i colli di Conegliano che si è concretizzato sul piano artistico grazie alla sua grande e nota passione per questa terra.
A fine agosto infatti il maestro russo Yuri Bashmet, insieme ai 25 musicisti che formano lo straordinario ensemble “I Solisti di Mosca’” è in Veneto e nella Marca trevigiana per il Festival musicale Italia Russia “Sulle vie del Prosecco”, 4 imprendibili concerti in luoghi suggestivi, già carichi di una forte valenza emozionale: Chiesa di Santi Martino e Rosa di Conegliano (mercoledì 28), Abbazia di Santa Maria di Follina (giovedì 29), Teatro Da Ponte di Vittorio Veneto (venerdì 30), Convento di San Francesco di Conegliano (sabato 31).

Quattro concerti di grande spessore artistico, arricchiti dalla partecipazione di musicisti italiani di riconosciuta fama e bravura: dal soprano Giovanna Donadini al mezzosoprano Raffaella Vianello al contralto Sara Mingardo; le pianiste Marisa Tanzini  e Vanessa Benelli Mosell, oltre al violinista Massimo Quarta che in queste terre di Prosecco ebbe il suo trampolino di lancio.

È prevista  inoltre la presenza dei solisti russi Alexander Buzlov al violoncello e Tatiana Samouil al violino e le prime parti dei ” Solisti di Mosca ” Kirill Kravtsov, Andrey Poskrobko, Maxim Khlopiev. A fare gli onori di casa ci sarà l’ insieme vocale ” Città di Conegliano” diretto da Laura Fabbro.

Lo stesso Yuri Bashmet si esibirà come direttore d’ orchestra, oltre che nella sua abituale veste di solista suonando una preziosissima viola creata nel 1758 dal liutaio milanese Paolo Testore.